NAVIGATION
SOCIAL
INDIRIZZO Via Alcide De Gasperi, nr. 83 55100 LUCCA DISCLAIMER
CONTATTI e: info@falcoinvest.it t: 0583.490340 c: 338.4903023 TRANSAZIONI PAYPAL
FALCO INVESTIGAZIONI DI Cannella Davide - Via A. De Gasperi , nr.83 / 55100 Lucca / P.IVA 01288520461 Istituto abilitato alle indagini e alle investigazioni previste dagli artt. 134 Tulps e e art.327 bis e seg. del Codice di Proc. Penale
  

MASTER IN CRIMINOLOGIA - Università di Lugano

Seminario Imposimato - Stefani - Torre- Cannella, 11-12 marzo 2005 Nell’ambito del Dottorato di Ricerca in Criminologia e Master in Scienze dell’Investigazione si è tenuto venerdì 11 e sabato 12 marzo 2005, nelle aule di via Ai Faggi 4 a Lugano-Pazzallo, un Seminario con la partecipazione del prof. Ferdinando Imposimato, del prof. Eraldo Stefani e del prof. Carlo Torre e l'investigatore privato Davide Cannella. Il programma: Venerdì 11 marzo ore 15 – Ferdinando Imposimato: "L’errore giudiziario: il principio del libero convincimento del giudice e la prova legale. Alcuni casi giudiziari". Sabato 12 marzo ore 9 – Eraldo Stefani: "Laboratorio teorico-pratico sulle indagini del difensore". Sabato 12 marzo ore 14 – Carlo Torre: "Esame sui residui delle polveri da sparo". Sabato 12 marzo ore 15 -Cannella Davide "le indagini penali nel contesto del codice penale" Nel particolare tratterà il caso di un duplice omicidio perpetrato in provincia di Arezzo da lui brillantemente rislto. Ferdinando Imposimato, 1936, laurea in giurisprudenza all’Università di Napoli nel 1959. Nel 1962 diventa vice-commissario di polizia, destinato prima a Brescia e poi a Forlì. L’anno dopo torna a Roma come funzionario del Ministero del Tesoro. Nel 1964 diventa magistrato. Quale Giudice istruttore istruisce alcuni dei più importanti casi di terrorismo tra cui il processo Moro, l’attentato a Giovanni Paolo II, l’omicidio del presidente del CSM Vittorio Bachelet, la strage di Piazza Nicosia. E’ lo scopritore della pista bulgara in Europa e delle connessioni internazionali del terrorismo. E’ il primo a parlare delle connessioni del terrorismo italiano con i servizi segreti israeliani e della presenza del KGB nel "caso Moro", poi confermata a vent’anni di distanza dal dossier Nfitrokhin. Si occupa di processi contro camorra e mafia. Tra gli altri istruisce il caso di Michele Sindona, il banchiere siciliano legato a Cosa Nostra, accusato di bancarotta fraudolenta. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, ha rappresentato l’Italia a Strasburgo per i problemi del terrorismo internazionale, è stato consulente delle Nazioni Unite nella lotta alla droga. Eletto come indipendente di sinistra al Senato della Repubblica e alla Camera dei Deputati, per tre legislature è membro della Commissione Antimafia. Ha presentato numerosi disegni di legge sulla riforma dei servizi segreti, sugli appalti pubblici, sui trapianti, sui sequestri di persona, sui pentiti, sul terrorismo, sulla dissociazione. Giornalista e scrittore, è autore di soggetti cinematografici. Eraldo Stefani, 1949, avvocato penalista e civilista del Foro di Firenze, abilitato al patrocinio dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione. Laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Firenze, dal 1984 all’88 è stato vice Pretore onorario su incarico del Consiglio Superiore della Magistratura, dal ‘96 è Console onorario della Repubblica del Senegal in Firenze. Svolge attività di ricerca nell’ambito del Diritto Processuale Penale, con specifico riguardo alle indagini difensive. In particolare ha approfondito le aree tematiche relative alle indagini difensive nel processo penale italiano; alla difesa della persona offesa nel processo penale; ai tratti tipici e limiti nella cultura giuridica italiana riguardo al rito accusatorio e al nuovo ruolo del difensore; alle indagini difensive, mettendo a confronto le esperienze del Civil Law e del Common Law; al diritto penale minorile e penitenziario; agli aspetti deontologici del difensore nel processo penale tra rito inquisitorio e accusatorio. Direttore della Collana "Il processo penale accusatorio", Giuffrè editore, dirige il Portale giuridico "Indagini difensive.it". Ha svolto e svolge un’intensa attività didattica in Università, Istituzioni pubbliche e Associazioni professionali, ha pubblicato libri, saggi e articoli. Crlo Torre – Medico legale di Torino, è molto noto nell’ambiente giudiziario in quanto, tra l’altro, è stato designato quale perito in alcuni dei casi giudiziari più clamorosi degli ultimi anni in Italia, dal caso Marta Russo al delitto di Cogne, alle indagini sui fatti avvenuti al G8.
TORNA A LA STAMPA TORNA A LA STAMPA
NAVIGATION
SOCIAL
INDIRIZZO Via A. De Gasperi, nr.83 55100 LUCCA DISCLAIMER
CONTATTI Mail: info@falcoinvest.it t: 0583.490340 c: 338.4903023 PAYPAL
FALCO INVESTIGAZIONI DI Cannella Davide Via De Gasperi, nr.83 / 55100 Lucca / P.IVA 01288520461 Istituto abilitato alle indagini e alle investigazioni previste dagli artt. 134 Tulps e art.327 bis e seg. del Codice di Proc. Penale
  

MASTER IN CRIMINOLOGIA - Università

di Lugano

Seminario Imposimato - Stefani - Torre- Cannella, 11-12 marzo 2005 Nell’ambito del Dottorato di Ricerca in Criminologia e Master in Scienze dell’Investigazione si è tenuto venerdì 11 e sabato 12 marzo 2005, nelle aule di via Ai Faggi 4 a Lugano-Pazzallo, un Seminario con la partecipazione del prof. Ferdinando Imposimato, del prof. Eraldo Stefani e del prof. Carlo Torre e l'investigatore privato Davide Cannella. Il programma: Venerdì 11 marzo ore 15 – Ferdinando Imposimato: "L’errore giudiziario: il principio del libero convincimento del giudice e la prova legale. Alcuni casi giudiziari". Sabato 12 marzo ore 9 – Eraldo Stefani: "Laboratorio teorico-pratico sulle indagini del difensore". Sabato 12 marzo ore 14 – Carlo Torre: "Esame sui residui delle polveri da sparo". Sabato 12 marzo ore 15 -Cannella Davide "le indagini penali nel contesto del codice penale" Nel particolare tratterà il caso di un duplice omicidio perpetrato in provincia di Arezzo da lui brillantemente rislto. Ferdinando Imposimato, 1936, laurea in giurisprudenza all’Università di Napoli nel 1959. Nel 1962 diventa vice-commissario di polizia, destinato prima a Brescia e poi a Forlì. L’anno dopo torna a Roma come funzionario del Ministero del Tesoro. Nel 1964 diventa magistrato. Quale Giudice istruttore istruisce alcuni dei più importanti casi di terrorismo tra cui il processo Moro, l’attentato a Giovanni Paolo II, l’omicidio del presidente del CSM Vittorio Bachelet, la strage di Piazza Nicosia. E’ lo scopritore della pista bulgara in Europa e delle connessioni internazionali del terrorismo. E’ il primo a parlare delle connessioni del terrorismo italiano con i servizi segreti israeliani e della presenza del KGB nel "caso Moro", poi confermata a vent’anni di distanza dal dossier Nfitrokhin. Si occupa di processi contro camorra e mafia. Tra gli altri istruisce il caso di Michele Sindona, il banchiere siciliano legato a Cosa Nostra, accusato di bancarotta fraudolenta. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, ha rappresentato l’Italia a Strasburgo per i problemi del terrorismo internazionale, è stato consulente delle Nazioni Unite nella lotta alla droga. Eletto come indipendente di sinistra al Senato della Repubblica e alla Camera dei Deputati, per tre legislature è membro della Commissione Antimafia. Ha presentato numerosi disegni di legge sulla riforma dei servizi segreti, sugli appalti pubblici, sui trapianti, sui sequestri di persona, sui pentiti, sul terrorismo, sulla dissociazione. Giornalista e scrittore, è autore di soggetti cinematografici. Eraldo Stefani, 1949, avvocato penalista e civilista del Foro di Firenze, abilitato al patrocinio dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione. Laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Firenze, dal 1984 all’88 è stato vice Pretore onorario su incarico del Consiglio Superiore della Magistratura, dal ‘96 è Console onorario della Repubblica del Senegal in Firenze. Svolge attività di ricerca nell’ambito del Diritto Processuale Penale, con specifico riguardo alle indagini difensive. In particolare ha approfondito le aree tematiche relative alle indagini difensive nel processo penale italiano; alla difesa della persona offesa nel processo penale; ai tratti tipici e limiti nella cultura giuridica italiana riguardo al rito accusatorio e al nuovo ruolo del difensore; alle indagini difensive, mettendo a confronto le esperienze del Civil Law e del Common Law; al diritto penale minorile e penitenziario; agli aspetti deontologici del difensore nel processo penale tra rito inquisitorio e accusatorio. Direttore della Collana "Il processo penale accusatorio", Giuffrè editore, dirige il Portale giuridico "Indagini difensive.it". Ha svolto e svolge un’intensa attività didattica in Università, Istituzioni pubbliche e Associazioni professionali, ha pubblicato libri, saggi e articoli. Crlo Torre – Medico legale di Torino, è molto noto nell’ambiente giudiziario in quanto, tra l’altro, è stato designato quale perito in alcuni dei casi giudiziari più clamorosi degli ultimi anni in Italia, dal caso Marta Russo al delitto di Cogne, alle indagini sui fatti avvenuti al G8.
TORNA A LA STAMPA TORNA A LA STAMPA
FALCO INVESTIGAZIONI LUCCA